| Educazione

Perché è necessario parlare ai propri figli delle minacce online?

Alžbeta Kovaľová | 12 Feb 2024
Condividi

L'evoluzione del cyberspazio ha portato con sé un'evoluzione delle minacce rivolte ai bambini. Perché è così importante parlarne?

Internet esiste dai primi anni '90 e, comprensibilmente, le minacce che sia i bambini che gli adulti devono affrontare sono cambiate in modo massiccio. All'epoca, la sicurezza dei bambini consisteva soprattutto nel tenerli lontani da contenuti sessualmente espliciti e la maggior parte della consapevolezza era incentrata sui controlli parentali piuttosto che sulla conversazione e sulla creazione di abitudini sane.

Negli ultimi 30 anni ci sono stati molti cambiamenti, sia online che offline. Si possono fare molte più cose online, ci sono più applicazioni, siti web, persone e, soprattutto, una fascia demografica più giovane. Il problema della pornografia è ancora molto presente, ma il paradigma si è spostato dalla visione di tali contenuti da parte di un bambino a quella, attraverso l'uso di deepfakes, di un bambino stesso. Non per dire che l'accesso dei bambini a contenuti espliciti non sia un problema, ma semplicemente per dimostrare che la privacy, la sicurezza e il benessere sono passati in secondo piano.

Un altro problema persistente e allarmante è la minaccia dell'adescamento e dei predatori online. Con i bambini che si intrattengono in conversazioni con estranei sulle piattaforme dei social media, nonché sui siti di messaggistica e di videochiamata dedicati, il rischio che un bambino si imbatta in un predatore online è aumentato in modo significativo. La facilità di accesso a queste piattaforme rappresenta una sfida e rende ancora più importante per genitori ed educatori rimanere vigili ed educare i bambini sui potenziali pericoli che possono incontrare.

Una minaccia più recente, ma molto diffusa, è il cyberbullismo. Se il bullismo in generale è già stato un problema nel mondo fisico, la sua controparte digitale è emersa, ponendo un problema ancora più grande. Il fenomeno si estende dalla classe all'ambiente domestico, perseguitando i ragazzi praticamente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza possibilità di fuga. Il cyberbullismo crea uno spazio virtuale con comportamenti dannosi e intimidazioni, spesso con gravi conseguenze per la salute mentale e il benessere di un bambino. L'anonimato fornito dal mondo online consente all'aggressore di rimanere nascosto e di continuare a bullizzare la vittima più a lungo, senza la paura di essere scoperto.

La tecnologia Deepfake ha introdotto una nuova dimensione nella preoccupazione dei contenuti espliciti. Invece di preoccuparsi del fatto che i bambini si imbattano in contenuti inappropriati, il problema si è spostato sul fatto che i bambini vengono manipolati in contenuti compromettenti senza che se ne accorgano. È molto facile, con la nuova tecnologia disponibile, attaccare il volto di un bambino su un corpo diverso e affermare che si tratta veramente di lui. Il bambino può quindi essere manipolato per creare lui stesso tali contenuti, provare vergogna e persino essere ricattato dall'aggressore. Ciò evidenzia la necessità di sensibilizzare ed educare a un uso responsabile dei media digitali e l'importanza di un rapporto aperto con i ragazzi, in modo che non abbiano paura di rivolgersi ai genitori alla prima avvisaglia di un problema, senza il timore di essere giudicati.

Tuttavia, i genitori e gli educatori non sono gli unici che dovrebbero interessarsi a queste questioni. È compito dei legislatori e degli stakeholder delle aziende mettere in atto una legislazione che impedisca il verificarsi di tali pratiche. È necessario regolamentare maggiormente chi, come e quando può utilizzare Internet e, più specificamente, come e per cosa.

 

Spetta anche a noi adulti istruirci sui pericoli e su come affrontarli, in modo da poter guidare i nostri figli e creare per loro un Internet più sicuro. La restrizione non è più un'opzione praticabile quando si tratta di sicurezza online, ma è sempre più necessario parlare apertamente con i bambini dei potenziali rischi che possono incontrare in rete. Costruire un'alfabetizzazione digitale e instillare nei ragazzi l'importanza di un uso responsabile di Internet sono componenti essenziali di questa strategia proattiva.

È fondamentale inserire nelle conversazioni con i bambini discussioni su minacce specifiche come il grooming, il cyberbullismo e le implicazioni della tecnologia deepfake. Le campagne di sensibilizzazione nelle scuole e nelle comunità possono rafforzare ulteriormente l'importanza della sicurezza online.

Prova ESET HOME SECURITY

L'evoluzione delle minacce online dimostra la necessità di un approccio completo e adattabile per genitori ed educatori. Rimanere informati sulle sfide specifiche e impegnarsi attivamente in una conversazione aperta con i propri figli contribuirà a rendere più sicuro l'ambiente online. Combinando educazione, vigilanza e sensibilizzazione, possiamo lavorare per mitigare i rischi associati al panorama in continua evoluzione del mondo digitale.

 

 

Sugli autori

Alžbeta Kovaľová /
Security writer

Alžbeta lavora in ESET da due anni...

Leggi di più
ESET Parental Control per Android ESET Parental Control per Android

Fai di internet un posto sicuro per i tuoi figli

Con ESET Parental Control per Android

PROVALO GRATUITAMENTE PER 30 GIORNI

Resta aggiornato sulla sicurezza online

Consigliato